All Posts from October, 2012

I 5 Tibetani

October 27th, 2012 | By Deborah Giorno in Benessere, Parco San Marco | No Comments »

Peter Kelder, autore del libro i Cinque Tibetani, scritto negli anni 30, insegna che il segreto della forza e vitalità dei Lama Tibetani consiste in alcuni esercizi rituali che sono una forma di meditazione fisica attiva, molto efficace. Sono 5 esercizi abbastanza dolci da poter essere eseguiti da chiunque e a qualunque età e funzionano!

Se li farete tutti i giorni si vedranno già i risultati in trenta giorni e vi sentirete più forte e vitali.

Ogni rito è importante quindi per funzionare devono essere fatti tutti, è importante non saltarli  per più di un giorno o non potrete scoprire i benefici che i Riti possono apportare alla vostra vita e alla vostra salute. L’essenziale è la respirazione. Se non si respira nel modo corretto, l’efficacia degli esercizi ne risulta intaccata. Nel momento in cui il corpo è disteso sul pavimento è rilassato, quindi deve inspirare per potersi muovere, nel momento in cui torna a stendersi, invece, deve espirare.

Le istruzioni 5 Tibetani

Il Museo Del Contrabbando

October 24th, 2012 | By Annalisa De Maria in Parco San Marco, Sapienza | No Comments »

Da sempre contrabbando e contrabbandieri esercitano un certo fascino sui buoni e bravi borghesi. Ma coinvolge anche studiosi del costume, storici, economisti, perché il contrabbando ha rappresentato per decenni un’attività che ha permesso di far quadrare i conti in tempi di difficoltà e in zone economicamente povere. È giusto quindi che gli sia dedicato un museo, a ricordo di tempi, di condizioni, pericoli, fatiche, e ingegnosità manifestate da contrabbandieri e guardie, caratteri specifici della socialità che hanno interessato il Ticino negli ultimi cent’anni, fin verso i primi anni Settanta. L’edificio che ospita il Museo delle Dogane si trova dall’altra parte del lago rispetto a Lugano, in zona Cantine di Gandria, ed è raggiungibile con una breve, suggestiva gita in battello; infatti sorge direttamente sul lago, al confine tra Svizzera e Italia in una zona impervia e coperta da una fitta vegetazione. Il primo posto doganale nella zona di Lugano era stato installato nel 1856 ed è noto ancora oggi come “La Casa Rossa”, mentre questa costruzione è stata realizzata nel 1904 come posto doganale, quindi come base per combattere il contrabbando, ed è diventata museo nel 1935. Il museo è stato rinnovato e aperto al pubblico nel 1978, dopo accurati e prolungati lavori di restauro effettuati dal Museo Nazionale di Zurigo. La rievocazione dei tempi in cui il contrabbando era in piena fioritura avviene attraverso un’ampia esposizione collocata sui tre piani del museo. Al pianterreno è stato ricostruito il vecchio posto doganale, così come doveva apparire nel 1904. Vi si riconoscono i luoghi dei doganieri, e qui spicca la figura in cera di un contrabbandiere ammanettato da due agenti, e gli alloggi adiacenti destinati alle guardie. Sono poi esposti in bella evidenza diversi documenti doganali, un’agenda, monete dell’epoca, bilance e numerosi strumenti di misurazione. Al primo piano viene spiegata la storia dell’evoluzione dell’apparato confederale sino alla struttura odierna; un monumento ricorda le guardie di frontiera cadute nell’adempimento del proprio dovere. Al secondo piano è riunito un arsenale di armi provenienti da Italia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti, sequestrate a partigiani, fuggiaschi o evasi mentre tentavano di oltrepassare in modo clandestino la frontiera svizzera. Vi è poi una curiosa esposizione di strumenti e apparecchiature varie usate da contrabbandieri e bracconieri, oltre a una documentazione sui trucchi più raffinati coi quali si è tentato di aggirare le leggi doganali. Tra questi, un piccolo sottomarino con motore subacqueo, guidato da un contrabbandiere che navigava con la testa a pelo d’acqua, sequestrato con il suo carico d’una tonnellata di salame. Nel 1994 l’esposizione permanente è stata trasformata in un’esposizione interattiva che, nel 1998, si è arricchita di novità informatiche e audiovisive. Per mezzo di video e di fotografie vengono presentati i sistemi moderni di sorveglianza alle dogane, come gli strumenti di sorveglianza notturna con raggi infrarossi e di rilevamento di falsificazione dei documenti d’identità.

APERTURA
Da Aprile a Ottobre
Lunedì – domenica
13:30 – 17:30

PREZZI
Entrata libera

Cascata di Begna

October 12th, 2012 | By Endy Broglio in Parco San Marco, Sapienza | No Comments »

Nelle vicinanze del Parco San Marco abbiamo delle bellissime cascate e un panorama mozzafiato:

Cascata di Begna

Una bellissima cascata quasi sconosciuta, appena la si raggiunge si rimane meravigliati che una simile bellezza naturalistica sia rimasta così poco frequentata e poco valorizzata turisticamente.
Si parcheggia a Begna frazione di Porlezza (CO) vicino alla chiesa e al parco giochi. Bisogna seguire sempre i cartelli turistici indicanti la cascata “Ponte Strolech” la via Caduti in Guerra e poi via alla Piana da cui parte una scalinata. Il sentiero si inoltra in salita nel bosco dove è possibile, ad un certo punto, vedere il bel panorama della piana di Porlezza e del lago di Lugano, successivamente si incontrano alcune cascine. Arrivati ad una vecchia cappelletta sulla sinistra c’è un breve, ma ripido, sentiero che porta ad un vecchio ponticello in pietra, lo si attraversa e camminando su alcune rocce si arriva in vista della splendida e piccola cascata di Begna. Caratteristica è la forma del taglio della roccia passante da parte a parte la montagna da cui scaturisce la cascata. Al ritorno a Begna, vicino alla chiesa dove avete lasciato la macchina, potete vedere una nevera, anticamente veniva utilizzata per conservare neve e ghiaccio da utilizzare durante i mesi estivi, la nevera serviva anche per la conservazione di alimenti che necessitavano di basse temperature simili quelle di un frigorifero.

Sale – ogni pizzico diverso dall’altro!

October 1st, 2012 | By Sabine Geyer in Benessere, Gastronomia, Parco San Marco, Sapienza | No Comments »

Sale – oro bianco?

Già per le antiche culture, come egiziani, sumeri e babilonesi, il sale rivestiva notevole importanza. Veniva ricavato dal mare oppure dal deserto salato e veniva usato per condire e conservare gli alimenti, per gli egiziani la sua importanza era legata anche alla mummificazione dei cadaveri. I greci ed i romani usavano esclusivamente il sale marino. Con l’aiuto del sole e del vento l´acqua contenuta in appositi recipienti evaporava lasciando il sale sul fondo. Questo tipo di produzione implicava un notevole dispendio di tempo e di energie. Per questo motivo il sale aveva molto valore. Lo scrittore romano Cassiodorus scrisse più di 1500 anni fa: “l’uomo può vivere senza oro, ma non senza sale.”

 

Escursioni

Plesio e la famosa acqua minerale Chiarella

Visitate la sorgente della famosa acqua minerale Chiarella, raggiungibile in 45 minuti di macchina dall’hotel. L´acqua minerale Chiarella sgorga dalla roccia del Monte Grona a 750 m di altezza nel territorio di Plesio. Per raggiungerla si deve viaggiare in direzione Menaggio e ca. 1 km dopo l’ospedale di Menaggio si deve svoltare a sinistra seguendo le indicazioni Loveno, Plesio. Arrivati a Plesio si deve lasciare la macchina e proseguire a piedi attraverso un comodo sentiero che vi fará raggiungere il “Troi” la sorgente da cui sgorga l´acqua minerale Chiarella. Il lago di Como e le montagne che lo circondano sono di origine glaciale, da questa origine derivano le numerose sorgenti della zona, ben otto, tutte di acque pure e ricche di sali minerali. Le marche più conosciute delle acque minerali che sgorgano nella zona sono “Levissima” in provincia di Sondrio e “Chiarella” a Plesio nella Valle Menaggio.

 

Pelle pura con il sale

Beauty & Massagi

Scrub corpo tonificante e purificante con olio di girasole bio, sale marino integrale e con oli essenziali biologici di menta e limone. 40 Minuti – Euro 49,00

Scrub corpo levigante e idratante con olio di oliva di Dievole ricco e nutriente, olio di girasole bio, sale marino integrale ed essenza di sandalo e arancio. Ideale per pelli secche. 40 Minuti – Euro 49,00

Impacco corpo drenante al sale con riflessologia plantare. Un efficace trattamento contro la ritenzione idrica, con sale integrale ed essenza di pompelmo, combinato con una sessione di riflessologia mirata a stimolare il sistema linfatico. 55 Minuti – Euro 72,00